Fisioterapia a numero aperto

Area di discussione delle notizie riguardanti la nostra professione
Regole del forum
Una curiosità, una notizia sulla nostra professione.
Condividi la tua discussione preferita.
azbzzz
User Senior
User Senior
Messaggi: 2060
Iscritto il: 14/08/2010, 21:11
Lavoro e cerco...: Guardatevi dall' infermiere che dice di non trovare lavoro!

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da azbzzz » 13/05/2017, 10:17

Dearg-Due ha scritto:
skyes ha scritto:In un paese che funzioni la formazione deve essere rapportata alle necessita' del mondo del lavoro.
In un paese normale chiunque ha il diritto di studiare quello che vuole, se poi non trova lavoro sono affari suoi.
Non si deve studiare infermieristica (o qualsiasi altro CdL) e pretendere di trovare lavoro in quel preciso settore.
Se in Italia serve un geologo ne assumeranno uno, se poi ce ne sono altri 20 a giro non è un problema di cui debba farsi carico lo Stato.
Ma io pago per studiare e voglio studiare quello che mi pare, se poi non trovo lavoro con quel titolo è un problema mio.
Non esiste solo l'equazione studio=lavoro, ma anche studio=soddisfazione personale.
Questo e' un tuo punto di vista ed e' UN punto di vista.
Io penso che studiare non sia per tutti e che una pesante scrematura vada fatta all' inizio. Far studiare tutti toglie possibilita' al meritevole perche' le risorse vengono diluite. La mentalita' della Heavy Leage potrebbe essere copiata. : Sig :

Avatar utente
Dearg-Due
User Senior
User Senior
Messaggi: 2886
Iscritto il: 27/07/2009, 16:56
Lavoro e cerco...: Aspirante Infermiere Forense, per sbattere sotto il naso le leggi a chi fa conto sull'ignoranza della categoria per approfittarsene e fare il bello e cattivo tempo utilizzando professionisti laureati come camerieri e factotum.

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da Dearg-Due » 13/05/2017, 10:52

Non si screma con i test d'ingresso, ma facendo il culo agli esami (culo serio, non all'italiana), come fanno nei paesi civili.
Solo in questo modo si può far passare davvero coloro che hanno voglia di studiare e impegnarsi e che ovviamente sono capaci.
Poi che siano 1, 10 o 1000 non deve fare differenza.
Disarmante... disarmante e sconcertante accorgersi di quanto colei che consideravi unica era in realtà una povera psicopatica patetica e sfigata.

azbzzz
User Senior
User Senior
Messaggi: 2060
Iscritto il: 14/08/2010, 21:11
Lavoro e cerco...: Guardatevi dall' infermiere che dice di non trovare lavoro!

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da azbzzz » 13/05/2017, 14:53

Io penso che la selezione debba nascere prima di studiare.
Esattamente quello che avviene oltreconfine.
La prima selezione si fa pagando tanto perché pagare è motivare..
1) 10mila euro di tassa l' anno.
2) voti delle superiori
3) selezione.
Secondo me anche con questi numeri il doppio dei posti di infermieristica verrebbe tutto occupato.
Perché infermieristica è così appetibile in barba ai pochi post di sfregio alla professione?

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5397
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 25 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da franco » 14/05/2017, 9:51

Io penso che studiare dovrebbe essere un diritto del cittadino.
Poi che ne fai un lavoro o meno è un altra cosa.
Una persona dovrebbe poter accedere indipendentemente dai voti delle superiori, dato che quello che viene insegnato è altro.

Con i voti delle superiori dovrebbero ridurre o azzerare le rate del primo anno.
Con i voti successivi ridurle, ma quando uno è fuori corso, dal secondo anno iniziare al alzare le tasse.

L'università deve fare buona formazione e fare ricerca.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Avatar utente
Dearg-Due
User Senior
User Senior
Messaggi: 2886
Iscritto il: 27/07/2009, 16:56
Lavoro e cerco...: Aspirante Infermiere Forense, per sbattere sotto il naso le leggi a chi fa conto sull'ignoranza della categoria per approfittarsene e fare il bello e cattivo tempo utilizzando professionisti laureati come camerieri e factotum.

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da Dearg-Due » 14/05/2017, 11:59

Alzare le tasse a cifre assurde per noi italioti è discriminare i più deboli su base economica.
Gli altri sono criteri che, lo stesso, la sciano il tempo che trovano.
Chi ha i soldi paga anche per tenere il figlio a scaldare i banchi o per farlo laureare con le unghie e i denti.
L'unico criterio valido è il rendimento durante la carriera universitaria, basterebbe avere professori seri che facessero esami seri, non viziati da simpatie/antipatie/nedobbiamosegare30perforza, e quanti se ne laureano se ne laureano.
Non è compito dello Stato dargli per forza il lavoro per cui uno ha studiato nè il laureato deve pretenderlo.
Se io sono un geologo disoccupato non deve fregare a nessuno (come geologo).
Diverso è il discorso della disoccupazione in generale ovviamente.
Disarmante... disarmante e sconcertante accorgersi di quanto colei che consideravi unica era in realtà una povera psicopatica patetica e sfigata.

Avatar utente
skyes
User Senior
User Senior
Messaggi: 1170
Iscritto il: 12/07/2009, 11:54
Località: Treviso, operativa in Svizzera

Re: Fisioterapia a numero aperto

Messaggio da leggere da skyes » 29/05/2017, 16:58

In effetti,

non posso negare che lo studio corrisponda anche a soddisfazione personale.

La maggior parte di chi frequenta l'Accademia delle Belle Arti lo fa per un livello di soddisfazione personale.

Ma resto dell'idea: non regolamentare alcune professioni porterebbe a molta più insoddisfazione e frustrazione.

Studiare medicina per 6 anni, rendendosi conto a posteriori del livello di saturazione del settore, non sarebbe fonte di frustrazione?

Oltre che perdita di tempo, fatica e denaro?

Lo Stato non fa quasi nulla per incrementare il grado di occupazione dei giovani.

Se chiudesse anche gli occhi sulle professioni regolamentate, sfornando migliaia di fisioterapisti o logopedisti... , non porterebbe al suicidio collettivo ?

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti