Un euro netto: questo è il dilemma

l'infermiere libero professionista, problemi, suggerimenti, idee e miti
Regole del forum
Importante, è necessario ricordarsi che le discussioni devono essere considerate come informali e non consulenze specializzate.
Condividi la tua discussione preferita.
Avatar utente
Ginevra
User
User
Messaggi: 352
Iscritto il: 28/12/2011, 15:45

Un euro netto: questo è il dilemma

Messaggio da leggere da Ginevra » 26/10/2016, 17:12

Altra storia :

in primavera mi telefona un'agenzia viaggi del Lazio: << Sono Andrea dell'agenzia viaggi....stiamo cercando una infermiera per la misurazione della pressione a diversi gruppi di anziani in hotel e in vacanza dalle sue parti, è disposta a collaborare con noi?>> E io: << Certamente, quanto mi date a PA?>> Dopo aver fatto un pò di tira e molla, stabiliamo 1 euro NETTO a pressione tramite voucher e addebito in banca.

Adesso cominciano le sorprese:

i gruppi dovevano essere di 40 persone dislocati in più alberghi. In ogni gruppo c'era un referente che segnava chi aveva preso la pressione.
La metà mancava all'appello, per vari motivi, così invece di 40 il numero calava a 30 e anche 25

A fine estate tiro le somme a tavolino con il capo gruppo di tutti i gruppi. Sorpresa, le pressioni non rilevate non vengono pagate, per cui da 500 che dovevano essere , sono state contate 300. Be', mi sono detta, sono tutti puliti, al massimo ci sarà da togliere 20 euro di carburante per lo spostamento da un hotel all'altro. Firmo il voucher, lo firma anche lui e lo invia all'agenzia viaggi del Lazio.

Passa un mese, passano due mesi, sto bonifico bancario manco l'ombra. Cazzarola , avevano promesso che sarebbe arrivato dopo una settimana ...

Chiamo l'agenzia e il procacciatore di teste ("andrea") cade dalle nuvole: <<Adesso mi informo con l'ufficio pagamenti, la chiamo tra qualche giorno.>>

Dopo due giorni arriva un suo sms e spiega che siccome sono una libero professionista con p.iva, l'ufficio pagamenti vuole una mia fattura, specificando che rimane 1 euro NETTO A PRESSIONE.

Preparo la mia bella fattura con l'aiuto del caro Franco : Love : e dico

su ogni 100 netti devo aggiungere 15% di IRPEF + il 14% e 4% di EMPAPI + SPESA DI COMMERCIALISTA + CARBURANTE per cui ogni 100 netti ho aggiunto 40 euro

totale lordo 412 euro lordi.
invio la fattura per email.

Sorpresa:

mi chiama l'ufficio pagamenti dicendo che la fattura è sbagliata. Ogni 100 mi pagano 20 euro di lordo( non ricordo che titolo ha dato a questi 20 euro) e che l'accordo era 1 euro netto a pressione. HAi voglia a incazzarmi con loro, non è servito a nulla. Ho chiamato il mio commercialista e mi ha detto che il mio calcolo era giusto e loro mi hanno preso pè il naso. Praticamente ho lavorato quasi gratis : CoolGun : : CoolGun : : CoolGun : Ma che andassero a cagare!!!

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5397
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 25 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Un euro netto: questo è il dilemma

Messaggio da leggere da franco » 26/10/2016, 19:51

Un grazie al commercialista per avere confermato che i conti andavano bene.

Ma secondo loro 100 pressioni in quanto tempo le prendi?
Se non guardi in faccia a nessuno e hai 100 persone in un unico ambiente, tipo catena di montaggio, forse ci metti 2 minuti a persona, ovvero 3 ore e 20.
Ma ci sono gli spostamenti e altro.

Ci vorrebbe la faccia tosta di farsi mettere per iscritto i compensi prima, non abbiamo un anima commerciale.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite