Tirocinio primo anno brutte esperienze

Questo è un forum di discussione generale per gli studenti di infermieristica, master e specialistica.
Regole del forum
Questo è un forum di discussione generale per gli studenti di infermieristica, master e specialistica.
Condividi la tua discussione preferita.
Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5396
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 25 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Tirocinio primo anno brutte esperienze

Messaggio da leggere da franco » 08/05/2017, 21:51

Santa pazienza, ma non è cambiato nulla?
Mi ricordi i miei tirocini del secolo scorso, era l'86.
Tutti ok, ok, poi giù, pochi giorni prima un giudizio penoso, e non capivo.
Poi il secondo anno l'illuminazione me l'ha data un infermiera di nome Franca che lavorava in fisiopatologia della riproduzione al S.Orsola.

Devi comprendere 3-4 cose ed organizzarti.
1) la gerarchia, variabile a seconda delle relazioni di reparto, devi capire chi conta fra coordinatore, diurnisti, tutor poi i turnisti la loro opinione se conta dipende da chi materialmente fa il giudizio se ha voglia di interpellarli o se per formalità chiede ai presenti.
2) identifica i lavori ripetitivi ed impara ad eseguirli bene.
3) non fare mai due volte la stessa domanda.
4) scriviti l'organizzazione di reparto, scriviti le tecniche e le procedure.
5)Quando puoi cerca procedure e protocolli di reparto, cerca di ricordarti gli aspetti principali e trova i riferimenti per reperire e memorizzare le informazioni.

Non dar troppo peso ai voti, da priorità alla crescita.
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Avatar utente
zaffo
User
User
Messaggi: 307
Iscritto il: 17/03/2014, 18:31

Re: Tirocinio primo anno brutte esperienze

Messaggio da leggere da zaffo » 09/05/2017, 14:13

Ciao Eleonora. Io ho frequentato il tuo stesso ateneo in una sede periferica, non so se sia la stessa, se vuoi mandami un messaggio privato, magari se la sede è la stessa che ho frequentato io potrei darti qualche dritta ;)

Per il resto quoto Franco sui passi da percorrere e ti ricordo che questo è solo il primo tirocinio, frequentarai tanti altri reparti in futuro e magari solo in quello in cui sei ora non riesci a dare il meglio di te (è capitato anche a me di dare il massimo in alcuni contesti ed il minimo in altri) e/o ci sono infermieri che seguono gli studenti "tanto per".

j.rossi
Newbie
Newbie
Messaggi: 1
Iscritto il: 28/05/2017, 18:11

Re: Tirocinio primo anno brutte esperienze

Messaggio da leggere da j.rossi » 30/05/2017, 18:58

Ciao,
premetto che mi sono appena laureato e ho iniziato da poco la mia prima esperienza lavorativa, quindi sono proprio fresco fresco.
Non voglio e non posso "indorarti la pillola", questo è un lavoro particolare che ci richiede certe caratteristiche. Anche io come te, dopo alcune esperienze di tirocinio ho pensato di gettare la spugna e provare a fare qualcos'altro; ma poi, riflettendoci con più calma, ho anche pensato che non riuscirei a fare altro. Come hanno già scritto, l'importante è che le tue convinzioni, i motivi che ti hanno portato a scegliere questo CdL devono essere ancora forti... In reparto non vieni trattata al meglio? Può essere, è capitato a tutti, anche a me, ma ti consiglio di trovare un modo per imparare anche dagli errori/orrori che vedi... se poi ha la possibilità di vedere, oltre a diversi reparti, anche diverse aziende ospedaliere, sfrutta queste occasioni perchè ti permettono di vedere diverse sfacettature di questa professione.
Buona continuazione!! :)

Avatar utente
IlSignorP
User
User
Messaggi: 138
Iscritto il: 24/01/2017, 19:29

Re: Tirocinio primo anno brutte esperienze

Messaggio da leggere da IlSignorP » 03/06/2017, 15:29

Quoto Franco in ogni singolo consiglio.
Aggiungo solo una cosa, perchè evidentemente sei abbastanza giovane, più di me sicuramente, e devi ancora far tanta strada prima di rendertene conto da sola: NON BISOGNA MAI ASPETTARSI L'APPROVAZIONE DI NESSUNO.
Se vivi per il fatto che altri ti debbano riconoscere dei meriti, vivrai in maniera molto insoddisfatta e sofferente. Soprattutto vivrai malissimo, e nella costante paranoia di far paragoni fra te e gli altri e di non capire come mai alcuni che a tuo giudizio valgono meno vengano valutati molto meglio di te.
Ma quand' anche uno ti dica "Brava!" che è cambiato nella tua vita? Nulla. L'unica a doversi valutare e a doversi dare un giudizio seriamente per come lavora o studia se tu, non gli altri.
Ad esempio sostieni un esame sul quale hai studiato un casino e prendi comunque 23? Non importa devi esser soddisfatta tu sulla tua prestazione all' esame, il voto è marginale. Idem all' inverso non hai studiato nulla e prendi 30 e lode, beh lì invece di esser contenta che ti sia andata di culo, devi esser tu stessa a biasimarti per non aver reso come avresti dovuto per meritare davvero quel voto.
Lo stesso avviene sul lavoro.... altrimenti così rischi di essere un soggetto molto condizionabile, e se gli altri se ne rendono conto per te è finita, ti manovreranno come si fa coi burattini... Verrà ad esempio un collega e ti dirà: "ma non è che possiamo cambiarci i giorni di ferie perchè sai io ho i bambini piccoli e a fine agosto è brutto portarli in vacanza, tu invece.... poi sai sei bravissima e bla bla bla" Ecco... un esempio del genere è d' ordine comune ogni giorno. Se non hai carattere e non incominci a formartelo, ma aspetti le approvazioni esterne, beh è ora che cominci a ragionarci un po' su, perchè fuori ci sono i lupi che non vedono l'ora di sfruttare egoisticamente (e non per cattiveria gratuita) le fragilità altrui.
In bocca al lupo, e segui i consigli di Franco che sono ottimi, e validi sempre anche un domani che comincerai a lavorare.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti