Non sarò mai un bravo infermiere?

Questo è un forum di discussione generale per gli studenti di infermieristica, master e specialistica.
Regole del forum
Questo è un forum di discussione generale per gli studenti di infermieristica, master e specialistica.
Condividi la tua discussione preferita.
dodo93
Newbie
Newbie
Messaggi: 2
Iscritto il: 03/02/2017, 17:44

Non sarò mai un bravo infermiere?

Messaggio da leggere da dodo93 » 03/02/2017, 18:23

Sono al terzo anno di infermieristica e ho un problema , ricordo poco o nulla di ciò che ho studiato ! La cosa mi sta uccidendo. Riesco a dare gli esami , talvolta con difficoltà , ma ,dopo un pò, non ricordo quasi nulla. Ciò mi crea dei problemi con il tirocinio poiché sono sempre insicuro e lento. Mi sento malissimo e inferiore agli altri colleghi che sono sempre svelti , diligenti e ricordano quasi tutte le cose che hanno studiato. Non so più che fare. Sono quasi 4 mesi che sto cercando di migliorare ma senza successo e ciò mi induce a pensare che non sarò mai un ottimo infermiere e che non riuscirò nemmeno a lavorare all'estero , (il mio sogno sarebbe lavorare come infermiere in Canada). Cosa dovrei fare?

Avatar utente
xx46it
User Senior
User Senior
Messaggi: 3240
Iscritto il: 13/07/2009, 20:59

Re: Non sarò mai un bravo infermiere?

Messaggio da leggere da xx46it » 03/02/2017, 21:03

Ma no....non ti devi angosciare così.
Vedrai che quando ne avrai necessità ti ricorderai tutto. La memoria si ottiene soprattutto mettendo in pratica quello che sai. E' chiaro che ogni tanto dovrai ripassare, rispolverare i libri, fare ricerche , ma è una cosa che facciamo tutti ( non tutti veramente) , anche chi è tanto che lavora.
Capiterà anche che dovrai imparare cose nuove anche dopo anni di professione.
Ma tutto questo è normale e va bene. Non fare tue le regole degli altri. Segui un percorso tuo.
""Mi sento malissimo e inferiore agli altri colleghi che sono sempre svelti , diligenti e ricordano quasi tutte le cose che hanno studiato. """
Questa è una peripezia che non esiste, tutti hanno difficoltà, c'è chi le nasconde meglio e chi no. Stai tranquillo che quello che sa o fa il tuo collega , tu la sai fare come lui, forse anche meglio. Sii meno emotivo piuttosto. Un pochino più squalo. La nostra professione ne è piena. Tra squali e lecchini devi farti una scorza dura.
Le fragilità non mostrarle mai, al massimo chiedi chiarimenti e sii propositivo.
Sei nato nel 1993? Potrei essere la tua mamma... : Thumbup :
"Ci sono due modi di vivere la vita, uno è come se niente fosse un miracolo, l'altro è come se tutto fosse un miracolo"
Albert Einstein

Avatar utente
DarioTheFox
User expert
User expert
Messaggi: 785
Iscritto il: 08/04/2011, 21:40

Re: Non sarò mai un bravo infermiere?

Messaggio da leggere da DarioTheFox » 20/02/2017, 21:08

Stai tranquillo, in genere chi si fa tutte queste pippe, ha quantomeno la preparazione necessaria per fare sto lavoro.
http://www.dimensioneinfermiere.it/

Il saggio percorre la via che il folle ha scovato

Avatar utente
IlSignorP
User
User
Messaggi: 138
Iscritto il: 24/01/2017, 19:29

Re: Non sarò mai un bravo infermiere?

Messaggio da leggere da IlSignorP » 05/03/2017, 21:43

DarioTheFox ha scritto:Stai tranquillo, in genere chi si fa tutte queste pippe, ha quantomeno la preparazione necessaria per fare sto lavoro.
: Thumbup :

Avatar utente
franco
Super Mega User
Super Mega User
Messaggi: 5396
Iscritto il: 09/07/2009, 18:54
Lavoro e cerco...: Assistenza infermieristica di qualità da oltre 25 anni, che dire :-)
Località: Bologna
Contatta:

Re: Non sarò mai un bravo infermiere?

Messaggio da leggere da franco » 07/03/2017, 19:10

Ciao dodo93
Gli altri non sono delle cime, hanno solo un metodo che tu non hai.
Nel lavoro come nello studio devi imparare molte cose a memoria, ma la nostra memoria è limitata e quindi devi trovare delle connessioni o dei punti di riferimento.

Ci sono due tipi di informazioni nella nostra professione.
1)Quelle specifiche del settore o della tecnica.
2)Quelle che sono utili per tutte le occasioni.

Tipo 1) ti trovi a fare una toracentesi, posizionare un CVC ecc..
Quelle tecniche complesse che fai in collaborazione con altri, devi ricordarti alcune cose:
-principi generali,
-quindi parlare con i colleghi al lavoro di quali sono i passaggi a grandi linee.

Tipo2) come fare un iniezione intramuscolare, o una sottocutanea (questo è un caso a parte potresti vedere colleghi che non la sanno fare), come aprire il materiale sterile rispettando l'asepsi (per fare le tecniche tipo1).
principi generali che perfezioni con la pratica,
parlarne con i colleghi di fiducia, per approfondimento.

Due aiuti,
il tuo quaderno, per prendere appunti, io ho iniziato un nuovo lavoro e ce l'ho,
i punti di riferimento, appesi, quei foglietti reminder, gli elenchi telefonici e se non sai una cosa sapere a chi chiedere prima di fare cavolate.

La difficoltà, come tradurre quello che studi con quello che devi fare in pratica è comprensibile, perchè quando ti spiegano una cosa che non hai mai visto è difficile comprenderla, quindi usa anche youtube.
Insomma cerca un tuo metodo di studio, tieni presente che alcune cose sono da imparare a memoria, per altre, se ricordi l'anatomia e le nozioni di patologia ce la fai a comprendere i meccanismi e comprendere cosa accadrà, ma a questo punto il quaderno degli appunti sarà, dimentico, da qualche parte.
: Thumbup :
Benvenuto :-) ,incertezze, per fare i primi passi, visita....Come funziona il forum
Quando si regala un idea bisogna essere coscienti che quell'idea possa piacere o no. Quando si riceve un regalo, almeno un grazie :-)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti